10 miliardi di euro dall’accordo con le banche svizzere

Mario Monti l’aveva detto alla conferenza stampa di fine anno: “Un accordo con la Svizzera è un’ipotesi che stiamo analizzando”. E, come racconta oggi La Stampa: “Il governo di Berna ha improvvisamente fatto un’apertura, ammettendo di considerare possibile un accordo con l’Italia sul modello di quello già firmato con Germania e Regno Unito”. Non si tratterebbe però di un accordo bilaterale ma di una nuova e più ampia riorganizzazione dei rapporti assieme a Francia e Germania: “Finora Berna ha firmato due intese, con la Gran Bretagna e la Germania. Pur con le debite differenze, il meccanismo è simile: in cambio della garanzia dell’anonimato dei clienti, le banche svizzere si impegnano a versare un’aliquota secca dei capitali esteri depositati sui suoi conti compresa fra il 19 e il 35 per cento”. Secondo le stime più prudenti fatte al Tesoro un accordo ben scritto potrebbe garantire dieci miliardi di euro una tantum (su circa 100 che si pensano depositati in Svizzera dagli italiani), “ai quali aggiungere i proventi che arriverebbero ogni anno dalla imposizione dell’aliquota ordinaria sui capitali. A questo accordo Monti ne vorrebbe aggiungere un altro, questa volta con San Marino”.

  4 comments for “10 miliardi di euro dall’accordo con le banche svizzere

  1. SydneyBlue120d
    17 febbraio 2012 at 2:43 PM

    A quanto mi risulta né la Germania né il Regno Unito hanno mai ratificato gli accordi con la Svizzera di cui si parla, e probabilmente non saranno mai ratificati per motivi diversi, quindi troverei abbastanza strano facessero un accordo simile con l’Italia, anche perché avrebbe molto più senso se fosse fatto con l’UE anziché coi singoli Paesi.

  2. admin
    17 febbraio 2012 at 5:52 PM

    non è molto chiaro se li abbiano o meno ratificati, nessuno lo dice apertamente.comunque l’articolo della stampa parla soltanto di voci in questo senso e, comunque, per un accordo quadro assieme ad altri paesi europei.molto difficile in effetti che la cosa possa riguardare solo l’italia

  3. SydneyBlue120d
    17 febbraio 2012 at 6:03 PM

    Riguardo la Germania è ormai praticamente certo che non se ne farà nulla, almeno nell’attuale forma:
    http://www.tio.ch/Svizzera/News/669640/Accordo-fiscale-Lander-determinati-ad-affossare-il-trattato
    E non credo che le cose andranno diversamente in UK sinceramente.
    Piuttosto, pare che ci sarà un accordo più grande, vedi
    http://archiviostorico.corriere.it/2012/febbraio/09/superpatto_antievasione_Conti_esteri_senza_co_8_120209014.shtml

  4. admin
    17 febbraio 2012 at 6:37 PM

    grazie per i riferimenti. quello di cui parli è una spinta comune, appena agli inizi, sostenuta soprattutto degli stati uniti (http://www.waroncash.org/gli-usa-incriminano-le-banche-svizzere-complicita-evasione-fiscale.html) per uno scambio reciproco di informazioni, note e quant’altro, insomma per una sorta di monitoraggio costante. oltra cosa è un accordo transativo finanziario per in qualche modo regolarizzare la posizione dei soldi evasi illegalmente in svizzera e in altri luoghi di facile atterraggio. lì le cose si complicano.